Milano, tagliarono le orecchie al cane “per l’estetica”: a processo padrone e veterinario

Il pubblico ministero di Milano Maura Ripamonti ha rinviato a giudizio – con citazione diretta – il padrone di un american stafford terrier, un avvocato milanese di 36 anni, e un veterinario perché ritenuti responsabili del taglio dei lobi delle orecchie dell’animale.
Entrambi si sono giustificati dicendo che si trattava di ragioni sanitarie, ma l’ipotesi della procura è che il taglio sia stato fatto per motivi “estetici”. Le razze con amputazioni di orecchie o code, infatti, spesso hanno migliori possibilità di vincita ai concorsi di bellezza canini.
L’accusa di cui devono rispondere i due è maltrattamento di animale, con l’aggravante di avergli procurato lesioni senza necessità.
Il veterinario rinviato a giudizio aveva sempre sostenuto di aver effettuato una ‘conchetomia terapeutica’, ovvero il taglio delle orecchie, nel 2014 quando il padrone si era presentato nel suo studio mostrandogli un taglio che l’animale si era procurato dopo essersi introdotto in un roveto, e le medicazioni non erano servite a nulla. Non è stato creduto.
Ora il Tribunale deve fissare la data in cui prenderà il via il dibattimento, che verrà celebrato da un giudice monocratico.

fonte: Milano Repubblica


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *